Luciano D’Agostino: se canottaggio fa rima con coraggio

Nel mondo in cui viviamo, gli eroi non esistono solo nei fumetti o al cinema. Sono in mezzo a noi. E sono più numerosi di quanto possiamo pensare. Semplicemente non riusciamo a vederli fino a quando non decidono di entrare in azione. Li immaginiamo dotati di incredibili superpoteri, strizzati nei loro costumi e con una maschera a proteggerne l’identità.

otto-(1)

In realtà, la migliore definizione di questi individui l’ha data lo scrittore Joseph Campbell: un eroe è un normale essere umano che fa la migliore delle cose nella peggiore delle circostanze. Ecco perché oggi sono qui a raccontarvi di Luciano D’Agostino, sedici anni il prossimo 9 maggio, un titolo italiano in bacheca con l’otto junior della Canottieri Napoli, e un futuro ancora tutto da scrivere. A remi naturalmente.

Storia di canottaggio e coraggio

Ma nel mondo in cui viviamo, anche i cattivi non esistono solo nei fumetti o al cinema. Purtroppo. E così, capita che una normale serata a passeggio tra le vie della movida di Napoli si trasformi in un incubo. Perché il mondo è un posto pericoloso non a causa di quelli che compiono azioni malvagie, ma per quelli che osservano senza fare nulla. Parola di Albert Einstein. Così, Luciano non ci ha pensato due volte quando è intervenuto per difendere due compagne di classe, infastidite da una decina di giovani.

sogni2

Però, non c’erano superpoteri ad aiutarlo. Così è stato circondato, picchiato e mandato all’ospedale con una frattura al setto nasale e 25 giorni di prognosi. Lasciamo perdere ogni commento relativo agli audaci che affrontano le questioni 10 contro 1, continuando a dare colpi anche quando l’avversario è a terra. Non tocco con le parole chi mi fa schifo solo pensare. Dico solo che nel mondo alla rovescia in cui viviamo, la normalità diventa eccezione e un ragazzo che decide di non voltare lo sguardo davanti a un sopruso si trasforma in un eroe.

sogni-murales

Ed è un giovane canottiere. Un caso? Non credo. Piuttosto una scelta. Quella dei genitori di Luciano, di crescerlo ed educarlo secondo i valori di uno tra gli sport più nobili che esistano. Fatto di disciplina, duro lavoro, generosità e rispetto. Valori che ti insegnano a distinguere un equipaggio da un branco. E la scelta di Luciano stesso, nell’accettare le regole della casa del remo e farle proprie, anche quando non è seduto sul carrello della sua barca. Perché come giustamente ha sottolineato il celebre psichiatra Vittorino Andreoli, ogni uomo nasce buono: a renderlo cattivo ci pensano poi l’esperienza e l’educazione.

crossfit1

Da oggi Luciano è entrato di diritto nel novero delle persone che ammiro. Non perché sia impavido. Anzi. Sfido chiunque al suo posto a non aver avuto paura. Sarebbe stato assurdo il contrario. Ma perché Luciano D’Agostino è ciò che aspiro a diventare: un canottiere. E i miei eroi assomigliano moltissimo a questo ragazzo. Quelli che la vita li può piegare nel fisico, ma non nello spirito. Sono i sognatori, quelli che cercano di rendere il mondo un posto migliore. Per tutti, non solo per se stessi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Diventa fan della pagina su Facebook!

More from Giuseppe Lamanna

10 cose che ho imparato stando seduto sul remoergometro

Secondo il commediografo greco Aristofane, il saggio impara molte cose soprattutto dai suoi...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *