Mario Palmisano, il maestro jedi del canottaggio

Nel canottaggio, come nella vita, nessun uomo (o donna) è un’isola, completo in se stesso, e soprattutto non arriva mai nella posizione che occupa in questo sport senza essere aiutato, sorretto, spinto e incoraggiato a fare meglio. Perché il limite più grande non è fisico o tecnico, ma mentale. E’ all’interno della nostra testa che si compie la magia.

Mario Palmisano
Mario Palmisano

La mente umana è impossibile da capire. Come un paracadute, funziona solo quando è aperta. Ma senza esagerare, altrimenti il cervello cade per terra. Serve equilibrio nella Forza mentale, qualità che scorre potente nelle vene di Mario Palmisano, vero e proprio maestro jedi di questo sport.

Il maestro jedi Mario Palmisano

Mario ha il raro dono dell’empatia, la capacità di comprendere appieno lo stato d’animo delle persone, che nella maggior parte dei casi si presentano a lui con la medesima richiesta: «Aiutami Mario Palmisano, sei la mia unica speranza». E lui lo fa, senza tirarsi mai indietro. Come? Dicendoti quello che non vuoi sentire, facendoti vedere quello che non vuoi vedere, in modo che tu possa essere quello che hai sempre saputo di poter diventare. E scusate se è poco.

Una tipica sessione di allenamento da "spaccati" di Gigi Ganino (a sinistra) e Mario Palmisano (a destra)
Una tipica sessione di allenamento da “spaccati” di Gigi Ganino (a sinistra) e Mario Palmisano (a destra)

Nel canottaggio esistono due categorie di atleti: quelli di scienza e quelli di fede. I primi, e io sono fra questi, hanno bisogno di avere tutte le risposte. Gli altri, e Mario Palmisano ne è un degno rappresentante, no. La differenza non è poca, soprattutto perché quando pensi di avere le risposte, la vita ti cambia le domande. Ecco perché molto spesso mi dice: «Oi Pè, va bbuono tutt sti chiacchiere, peró mo è arrivat o’mument e’faticà! Jamm bell ja!!».

Mario Palmisano e Mattia Trombetta, campioni del mondo nel 2004
Mario Palmisano e Mattia Trombetta, campioni del mondo nel 2004

Tempo fa, gli chiesi se esistesse un segreto per diventare competitivi. Mi rispose così: «E’ tutta una questione di testa. Puoi allenarti anche 14 volte alla settimana, ma se vuoi davvero fare una gara ed essere competitivo, la differenza la fa l’atteggiamento con il quale approcci la cosa. Non è facile. Inizia ad allenarti cercando di essere più costante possibile… poi ne riparliamo più avanti». E da allora ne discutiamo tutti i giorni, perché come dice Gigi Ganino: «Quand’ parl’ Palmisano è Cassazion’!!!».

Viennetta

Per capire meglio il segreto di questo campione del mondo, mi sono affidato ai ricordi dell’amico Vincenzo Triunfo, che mi ha raccontato un episodio: «Ti parlo di un fatto accaduto nel lontano 2002. Estate in barca. Giornata di mare stupenda in compagnia di Mario Palmisano e altri amici. Nel pomeriggio, ormeggiamo al porto di Procida e Anna, all’epoca mia fidanzata e oggi mia moglie, chiede: “Ragazzi, che gelato volete?”. Mario rispose: “A me una Viennetta”. Ma allora non esisteva la monoporzione, quindi se ne mangiò una intera!». Insomma, alla fine di questa storia la morale che ho imparato è: per Mario Palmisano quello che cerchi è dentro di te. Altrimenti è nel freezer.

Diventa fan della pagina su Facebook!

Iscriviti alla nostra newsletter

More from Giuseppe Lamanna

10 motivi per cui una donna dovrebbe sposare un canottiere

Quando la coppia scoppia, anche i buoni sentimenti possono far male. D’altronde, la...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *