10 differenze tra ciò che un allenatore dice e ciò che pensa

Nel canottaggio, come in qualunque altro sport, il ruolo più difficile è sempre quello dell’allenatore. Questo perché mentre gli atleti possono “permettersi” di fare soltanto gli atleti,  lui deve essere al tempo stesso un maestro, un amico e un poliziotto. E questo accade a tutti i livelli, dal centro Federale di Piediluco fino al più piccolo circolo di canottaggio.

Teach-Rowing

 Saper allenare vuol dire accendere e far bruciare dentro ogni atleta una fiamma che si chiama passione. Tuttavia, una comunicazione efficace tra maestro e allievo non può essere priva di filtri. In fin dei conti, un allenatore rimane un uomo e quindi non sempre può dire quello che in realtà sta pensando. Eccovi dieci differenze tra quello che un allenatore dice e quello che pensa.

Un allenatore: quello che dice, quello che pensa

1) Quello che dice: «Non remi male, devi solo impegnarti di più». Quello che pensa: «Ma questo dove ha imparato a vogare, al CEPU?»

Help_With_Crab

2) Quello che dice: «Certo che sono su Facebook, chiedetemi pure l’amicizia». Quello che pensa: «Speriamo di trovare un altro lavoro, prima che scrivano sul loro status che li alleno io».

sinking-1

3) Quello che dice: «Vorresti fare qualche gara? Non avere fretta, presto verrà anche il tuo momento». Quello che pensa: «Sì, appena creano la categoria “mezze seghe” ti iscrivo subito».

05-rowing-17

4) Quello che dice: «Grandi ragazzi, mi state dando delle belle soddisfazioni, ho sempre sognato di allenare gente come voi». Quello che pensa: «Non voglio invecchiare in mezzo a questi debosciati. Aveva ragione mia madre, dovevo fare l’avvocato».

Canottiere-alcol

5) Quello che dice: «Come riassumerei il concetto di canottaggio a chi non lo conosce? Uno sport meraviglioso». Quello che pensa: «Sali, siediti, stai zitto e rema».

Crocker

6) Quello che dice: «Stasera devi andare via prima, perché hai un impegno a cena fuori? Non c’è problema, ti do un lavoro su misura». Quello che pensa: «Altro che cena. Adesso ti cucino io a dovere, così fra poco avrai l’acido lattico persino nelle palpebre».

training

7) Quello che dice: «Ragazzi, l’importante è divertirsi e fare del proprio meglio». Quello che pensa: «Se fanno la figura di merda dell’ultima volta, gli faccio fare talmente tanta ginnastica che gli verrà un secondo paio di addominali. Sul culo».

Hartman

8) Quello che dice: «Che sport facevi prima del canottaggio? Ah il crossfit, bello…». Quello che pensa: «Questo fa troppo il figo, adesso gli faccio fare 10 da 1.500 per cinque volte e poi vediamo».

Stanchi

9) Quello che dice: «Ragazzi non vi preoccupate, una giornata no può capitare». Quello che pensa: «Meglio dargli una pacca sulla spalla e mandarli via prima che mi incazzi sul serio».

Canottiere-arrabbiato

10) Quello che dice: «Ti piace remare? Ma è fantastico, adoro il tuo entusiasmo». Quello che pensa: «Spero tu sia pronto a morire, così impari che la vita è dura, ma il canottaggio di più».

Extreme-Drive

Diventa fan della pagina su Facebook!

Iscriviti alla nostra Newsletter!

More from Giuseppe Lamanna

Canottaggio: di padre in figlio

Partiamo da un concetto semplice: ogni uomo può diventare padre. Tuttavia, occorre...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *