10 differenze tra ciò che un allenatore dice e ciò che pensa

Nel canottaggio, come in qualunque altro sport, il ruolo più difficile è sempre quello dell’allenatore. Questo perché mentre gli atleti possono “permettersi” di fare soltanto gli atleti,  lui deve essere al tempo stesso un maestro, un amico e un poliziotto. E questo accade a tutti i livelli, dal centro Federale di Piediluco fino al più piccolo circolo di canottaggio.

Teach-Rowing

 Saper allenare vuol dire accendere e far bruciare dentro ogni atleta una fiamma che si chiama passione. Tuttavia, una comunicazione efficace tra maestro e allievo non può essere priva di filtri. In fin dei conti, un allenatore rimane un uomo e quindi non sempre può dire quello che in realtà sta pensando. Eccovi dieci differenze tra quello che un allenatore dice e quello che pensa.

Un allenatore: quello che dice, quello che pensa

1) Quello che dice: «Non remi male, devi solo impegnarti di più». Quello che pensa: «Ma questo dove ha imparato a vogare, al CEPU?»

Help_With_Crab

2) Quello che dice: «Certo che sono su Facebook, chiedetemi pure l’amicizia». Quello che pensa: «Speriamo di trovare un altro lavoro, prima che scrivano sul loro status che li alleno io».

sinking-1

3) Quello che dice: «Vorresti fare qualche gara? Non avere fretta, presto verrà anche il tuo momento». Quello che pensa: «Sì, appena creano la categoria “mezze seghe” ti iscrivo subito».

05-rowing-17

4) Quello che dice: «Grandi ragazzi, mi state dando delle belle soddisfazioni, ho sempre sognato di allenare gente come voi». Quello che pensa: «Non voglio invecchiare in mezzo a questi debosciati. Aveva ragione mia madre, dovevo fare l’avvocato».

Canottiere-alcol

5) Quello che dice: «Come riassumerei il concetto di canottaggio a chi non lo conosce? Uno sport meraviglioso». Quello che pensa: «Sali, siediti, stai zitto e rema».

Crocker

6) Quello che dice: «Stasera devi andare via prima, perché hai un impegno a cena fuori? Non c’è problema, ti do un lavoro su misura». Quello che pensa: «Altro che cena. Adesso ti cucino io a dovere, così fra poco avrai l’acido lattico persino nelle palpebre».

training

7) Quello che dice: «Ragazzi, l’importante è divertirsi e fare del proprio meglio». Quello che pensa: «Se fanno la figura di merda dell’ultima volta, gli faccio fare talmente tanta ginnastica che gli verrà un secondo paio di addominali. Sul culo».

Hartman

8) Quello che dice: «Che sport facevi prima del canottaggio? Ah il crossfit, bello…». Quello che pensa: «Questo fa troppo il figo, adesso gli faccio fare 10 da 1.500 per cinque volte e poi vediamo».

Stanchi

9) Quello che dice: «Ragazzi non vi preoccupate, una giornata no può capitare». Quello che pensa: «Meglio dargli una pacca sulla spalla e mandarli via prima che mi incazzi sul serio».

Canottiere-arrabbiato

10) Quello che dice: «Ti piace remare? Ma è fantastico, adoro il tuo entusiasmo». Quello che pensa: «Spero tu sia pronto a morire, così impari che la vita è dura, ma il canottaggio di più».

Extreme-Drive

Diventa fan della pagina su Facebook!

Iscriviti alla nostra Newsletter!

More from Giuseppe Lamanna

La leva agonistica della classe 1991 ovvero cosa direi se mi incontrassi 25 anni fa

Datemi una leva (agonistica) e vi solleverò il mondo (del canottaggio). Devono...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *