Canottaggio: si può dare (di stomaco) di più

Quando sei in barca o sul remoergometro e stai tirando come un dannato, la mente e il corpo collaborano al massimo per i primi 10 colpi. Poi, ognuno va per la sua strada. E tu inizi a domandarti: quale dei due devo seguire?

vomito

All’inizio, credevo che lo strumento più importante per un canottiere fosse il fisico. Ci sono voluti due anni di cazziate per capire l’errore. E durante un solitario allenamento, alle 7.40 del mattino, il remoergometro mi ha mostrato che quello di cui ho bisogno non è nelle braccia, nelle gambe o nella schiena. No. L’acciaio è nella testa.

Si può dare (di stomaco) di più

A metà di un lavoro ad alta intensità, infatti, mi è successa una cosa straordinaria: ho dato di stomaco. Quello che sembrava un innocuo “ruttino”, si è dimostrato essere qualcosa di più. E’ stata la prima volta. E’ stato un attimo. E’ stato bellissimo. Perché finalmente mi ha fatto comprendere che nel canottaggio c’è chi da tutto e chi, invece, molto di più.

remo

D’altronde, Mario Palmisano mi ha sempre detto: «Peppe non è quante volte ti alleni, ma come lo fai. Preferisco vederti due volte la settimana a fare quello che dico io, come lo dico io, piuttosto che tutti giorni a fare quello che ti viene meglio». Sarebbe? «O’strunz». Chiarissimo. E così sto facendo. Perché ho scelto di seguire la testa. Adesso è lei che comanda, con il resto del corpo aggrappato ai capelli.

remoerg

Anche se le vecchie abitudini sono dure a morire. Perché mentre tremi e ti asciughi la bocca, l’idea di fermarti sembra la cosa più sensata da fare. Poi, però, guardi i numeri del display salire. E pensi “peccato, stavo andando forte”. Così, all’improvviso, nella testa si fa strada un ricordo. Anzi, un insegnamento. Sono le parole di Gigi Ganino: «Peppe quando fai un lavoro, prima o’ finìsc e poi puo’ muri’. Se vedi che non ce la fai più, devi tirare fuori la cazzimma».

crossfit1

Così riparti e inizi a martellare. Colpo su colpo. Senza pensare alle conseguenze. Anche se, citando il Conte Nudo, il tuo stesso tornare a casa dipenderà dal vento. Guardi quei numeri tornare giù e porti a termine il lavoro. Peccato che non ci siano testimoni della tua impresa. In questo momento, quelle di Palmisano e Ganino sono braccia rubate a sostenere me che svengo. Ma non ci posso fare niente. E’ il destino di un canottiere, quello di trovare l’epica con il lanternino.

Diventa fan della pagina su Facebook!

Iscriviti alla nostra Newsletter!

More from Giuseppe Lamanna

Il filo di Arianna (Mazzoni)

Quasi un secolo fa, il critico Emilio Cecchi ha scritto che la vita...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *