10 tipi umani del canottaggio

Il mondo è bello perché è vario. Più che altro… vario. E l’arte del remo non fa eccezione. Un circolo di canottaggio, infatti, non è soltanto un posto dove scolpire il corpo e mettere alla prova il proprio valore, ma anche (e soprattutto) un contenitore di tipi umani. Ce n’è per tutti i gusti.

rowing-machine

Volevo Essere Un Canottiere ha raccolto il suggerimento di Maria Giulia Parrinelli, “costringendola” a delineare dieci profili di personaggi che la simpatica e sagace atleta toscana (ma anche ognuno di noi) ha incontrato lungo il suo percorso sportivo. E siamo sicuri che non avrete difficoltà a identificarvi con qualcuno di loro.

Canottaggio: i 10 tipi umani

1) IL BARO. Non ha mai un contacolpi, finisce sempre a remare nella corsia favorita e casualmente deve fare tutte le curve strette. Ti sorpassa a 28 colpi nel bel mezzo di un lavoro di fondo, “ma poi la gara la fai a 42 colpi, vero?”.

tired-rowing

2) LA BOMBA. Partenza forte, gran passo, va come un treno e tu purtroppo non lo lasci passare. Poi di punto in bianco scoppia, si ferma e ti lascia lì a terminare l’allenamento da solo. Non puoi fare così, mica sei il cubano Angel Fournier Rodriguez!

Dolore

3) IL CHIACCHIERONE. Sei sul remoergometro nel bel mezzo dei 3000 e stai soffrendo come un cane, quando improvvisamente accanto a te si piazzano due tipi che iniziano a chiacchierare, ancora peggio se pretendono di chiacchierare con te. E’ una palestra o un salotto?

gara

4) IL CURIOSO. Ogni allenamento ti fa mille domande al secondo e tu ogni volta lo mandi dall’allenatore. Lui, però, alla fine torna sempre da te, manco fosse Lessie.

rowing-mr-bean

5) L’IRRISPETTOSO. Gli viene chiesto gentilmente di fare qualcosa (solitamente semplice e banale), ma lui non la fa. Non è mai gentile con gli altri. Ma non gli succederà niente di grave. Tuttavia, un giorno non troverà più le sue scarpe al pontile, ma una testa di cavallo nel letto.

pipi-barca

6) IL GIOVANE VOLENTEROSO. Appena arrivato, sorridente e con una gran voglia di imparare. Non ha fatto niente di male, ma tu lo odi, perché lui ha tutta una carriera davanti e tu no.

Sollevatore-pesi

7) IL MASTER INCATTIVITO. Ha il doppio dei tuoi anni (forse anche di più), ma ti recupera con metà dell’handicap. Ti odia perché tu hai tutta una carriera davanti e lui no.

Vecchio-canottiere

8) IL FANTASMA. Figura mitologica. Tutti lo conoscono, ma solo pochi eletti lo hanno visto faticare. “Oggi sono passato solo per salutare” e attacca pipponi epocali all’allenatore che, stordito, si dimentica di allenare. A volte si improvvisa allenatore in seconda con scarsi, scarsissimi risultati.

remo-cane

9) IL GASATO.  Campione mondiale nel trovare le scuse quando perde, procede impettito verso il remoergometro e con nonchalance si specchia ammiccando, fa una palata e subito si guarda i bicipiti che non ha. Ha un solo difetto: respira.

fitness-fails-workout-man

10) IL PERFETTO. Arriva, esce in barca, ti batte, rientra e va via. 

Ironman

10 bis)  IL PERFETTO LAMENTOSO. Arriva lamentandosi, esce in barca e si lamenta. Nel mentre che si lamenta ti batte, rientra con doppia lamentela e prima di andare via ti chiede: “ma come fai ad essere così tranquilla?”.

Angry-rower

Diventa fan della pagina su Facebook!

Iscriviti alla nostra Newsletter!

More from Giuseppe Lamanna

Singolo di punta ovvero non c’è Due Senza te

Bianco o nero? Dolce o salato? Caldo o freddo? Sono tante le scelte che...
Read More

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *