Perché faccio canottaggio? Considerazioni sulla via iniziatica

Sono una persona terribilmente pigra. Lavoro molto bene, dando il meglio di me, solo quando sono sotto pressione e ho esaurito le scuse per rinviare ciò che devo fare. Il mio sogno sarebbe avere chi sbriga le faccende quotidiane al mio posto, in modo che io possa dedicarmi a ciò che ritengo più importante. Insomma, mi servirebbe un maggiordomo.

barca

Questo per farvi capire, o meglio non capire, il motivo per il quale da circa cinque anni ho ripreso a praticare canottaggio con un entusiasmo infinito, che mi spinge ad attraversare Milano due volte alla settimana per sudare e remare. Il mio nome è Giampaolo Adda. Sono un medico e un canottiere. Questa è la mia storia.

Perché faccio canottaggio?

I miei timidi approcci a questo sport risalgono ai tempi dell’università, quando frequentavo (con una certa bravura) il CUS all’Idroscalo. Anche lì, stranamente, trovavo il tempo e il modo per andarci senza domandarmi il motivo. Mi piaceva e basta. In seguito, vuoi perché mi trasferii all’estero, vuoi per gli impegni professionali, il canottaggio si perse nelle nebbie autunnali della memoria, restando, però, sotto la brace delle passioni.

otto1

Poi, in seguito a varie vicissitudini, mi ritrovai ad avere molte sere libere. Così, da quella brace mai spenta, divampò ancora una volta la passione per i remi. Cercai una società dove ricominciare e finii alla Canottieri San Cristoforo. Mi trovai subito bene. Sarà perché negli spogliatoi tutti salutavano all’entrata anche se non ti conoscevano, sarà stato perché gli istruttori sapevano coinvolgere e spronare quando vedevano che il cedimento era dietro l’angolo, ma il canottaggio mi conquistò del tutto e mi fece domandare a me stesso cosa mai avessi fatto in tutti gli anni passati. Un po’ come quando si ritrova una persona frequentata anni prima e con la quale vi erano tutte le premesse per fare sbocciare un amore… che non sbocciò allora, ma si ripresenta dopo.

cambridge

Da cinque anni non ho mai mancato una lezione (se non per seri motivi di salute) e sono sempre stato felice di uscire a remare con il freddo o con il caldo insopportabile di Milano, oppure sedermi al remoergometro e sputare l’anima per migliorare anche di un solo decimo la mia prestazione. Mi ritrovo, adesso, a dare coraggio a chi è alle prime armi e si scoraggia per non avere capito bene il coordinamento dei movimenti o per la fatica che opprime dopo un intenso allenamento. Io che sono il re della pigriziaE’ normale che mi sia chiesto il motivo e ammetto di non aver trovato risposta.

otto-stanco

Quando sono in barca e remo, c’è solo quello. Non ci sono i pensieri del lavoro, non c’è il freddo (che poi passa), non ci sono le arrabbiature e le delusioni della vita di tutti i giorni. Ci sono io, la barca, i remi… e chi è con me in barca per essere una cosa sola e sentirsi scivolare sull’acqua, leggeri come piume sospinte dal vento della nostra volontà. Certo, mi si obietterà, tutti gli sport richiedono concentrazione e affiatamento, ma il canottaggio è diverso. Però, se mi deconcentro, se per caso le cose vissute nella vita di tutti i gironi volessero fare capolino nella mia mente perdo il ritmo i remi si incrociano. Ci si deve fermare chiedere scusa e ripartire. Quindi tutto deve essere lasciato a terra, nello spogliatoio, una forma di rinascita ogni volta che ci si allena.

pontile

VITRIOL – Visita Interiora Terrae Rectificando Inveniem Occultam Lapidem: quando remo, o sono al remoergometro, scendo dentro me stesso in modo sempre più profondo fino a correggere i miei errori, sportivi o non, e mi avvicino sempre più a conoscere me stesso. Lo so che potrebbe sembrare un’esagerazione, lo so che è “solo” uno sport, ma in questa chiave riesco a capire quanto mi ha dato il canottaggio e perché sia disposto a fare 20 Km (tra andata e ritorno) per andare a remare. E remare, guardando al passato dirigendomi verso il futuro, trovo che sia di grande aiuto anche in senso personale. Le mie sono solo alcune considerazioni di un dilettante, di una persona che doveva riempire due sere a settimana, ma sono cose dette sinceramente e spero possano aiutare qualche lettore a vedere il canottaggio con occhi diversi per avvicinarsi a questo magnifico sport.

Iscriviti al nostro canale YouTube

Diventa fan della pagina su Facebook!

Written By
More from Giampaolo Adda

C’è uno sport indimenticabile e nessuna cura

Alla fine, anche io sono stato contagiato. Sarebbe successo prima o poi. Ne avevo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *