Il Canottiere Oscuro ovvero volevo essere Romano Bat-tisti

Campioni si nasce o si diventa? E’ una domanda difficile, soprattutto nel canottaggio, dove prima lo si nasce e poi lo si diventa. Forse. Ma bisogna volerlo. Con tutte le proprie forze. E avere l’audacia di inseguire i propri sogni. Anche se i sacrifici fanno paura. Perché questo è uno sport per supereroi. Ma quelli veri, il cui unico superpotere è la fiamma che ne alimenta la visione.

batmobile

E la luce è essenziale per compiere imprese straordinarie, perché nel nostro mondo l’epica la si trova solo con il lanternino. Qui è necessario allenarsi, allenarsi e allenarsi. E la maggior parte delle volte non basta. Perché non vince sempre il migliore. Ma solo chi è convinto di poterlo fare. Ecco perché il mio supereroe preferito è un canottiere. Un Canottiere Oscuro.

Il Canottiere Oscuro

Nella visione romantica che ho di questo sport, mi piacciono quelli che prima non ce la fanno. E poi invece sì. Quello che fa esaltare ai miei occhi un atleta come Romano Battisti è la storia che si porta sulle spalle. Spesso più pesante delle medaglie che si mette al collo. Per le battaglie che ha dovuto combattere. Contro se stesso e contro gli altri, che hanno fatto di tutto per fermarlo. Perché il male esiste anche nella nostra Gotham City remiera.

battisti1

E quella di Battisti è una storia che parte da lontano. Di quelle col destino già scritto. Perché quando Alessio Sartori vince a 24 anni l’oro in quattro di coppia all’Olimpiade di Sydney, Romano è un ragazzino di 14: guarda quell’impresa in Tv e decide che pure lui vuole vincere un’Olimpiade. Quasi dodici anni dopo, le loro strade si incontrano: sono già compagni di squadra alle Fiamme Gialle e, con il loro allenatore Franco Cattaneo, fanno una scommessa: formare il doppio che andrà a Londra, allenandosi in società, e a soli cinque mesi dai Giochi. 

Sartori-Battisti

Sì, perché per la Federazione Italiana Canottaggio non sono idonei a far parte del “dream team” olimpico. Lavorano, sudano, soffrono ogni giorno. Finché il doppio Sartori-Battisti non diventa il primo, il più forte. Più di quelli presentati dalla Federazione e che dovrebbero tentare la qualificazione in extremis durante la Coppa del Mondo di Lucerna. E proprio in Svizzera, vincono loro. È un sogno che si avvera. Poi arriva Londra 2012 e la cavalcata finale che li porta a un argento che vale forse quanto due Olimpiadi. E che per poco più di sei minuti ha scaldato il cuore di migliaia di tifosi. Regalando pure a loro, pure a noi, un sogno che non svanirà mai.

Alessio Sartori e Romano Battisti all'arrivo a Londra 2012, dove vinsero l'Argento Olimpico. Foto di Mimmo Perna
Alessio Sartori e Romano Battisti all’arrivo a Londra 2012, dove vinsero l’Argento Olimpico. Foto di Mimmo Perna

Per capire cosa significa dovreste provare a scalare una montagna, come quelle da cui è partito per diventare un uomo d’acqua dolce. E il canottaggio è una scalata estrema. A mani nude. Per gli allenamenti che richiede. Per lo sforzo che esige dal tuo corpo e dalla tua mente. Perché all’inizio nessuno voleva fare barca con lui. Perché era un “chiodo”. E anche oggi, che è diventato un “martello”, a distanza di anni da quell’impresa, dopo che altre medaglie sono arrivate ad arricchire il suo Palmares, lui è ancora alla ricerca dei propri limiti. Sempre troppo severo con se stesso.

E io lo ammiro. Perché alla fine ha scelto il bene, dopo aver combattuto a lungo il suo lato oscuro. E ogni tanto, quando parliamo, gli ricordo l’importante ruolo che ha nel mondo del canottaggio. E che vinca o perda non ha alcuna importanza. Lui è e resterà sempre un supereroe di questo sport. Anche se mi dice che esagero, che poi i suoi compagni di squadra “lo massacrano”. Ma non ti devi preoccupare Romano, anche io ho letto i fumetti. So benissimo che devi rispondere così. Il tuo segreto è al sicuro e non rivelerò a nessuno la tua vera identità. Quindi io faccio finta di niente ma tu, ti prego, continua così. Perché il mondo (del canottaggio) ha ancora molto bisogno di te.

Iscriviti al nostro canale YouTube

Diventa fan della pagina su Facebook!

More from Giuseppe Lamanna

Sul carrello della mia barca mi sono seduto e ho pianto

Sono sicuro che il canottaggio non mi ami. Non importa. Lo amo io....
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *