Mastichiamo sogni, caghiamo solide realtà ovvero non è tempo per noi (e chi se ne frega)

Non molto tempo fa, mi sono reso conto che nel canottaggio il segreto del successo non è la perfezione, ma l’accettazione. Che non significa rassegnarsi, ma essere sinceri con se stessi, rendendosi conto se nel rapporto con il proprio sport come si è e come si dovrebbe essere non riescono a coincidere.

birra-addominali

Una consapevolezza raggiunta dopo aver letto un illuminante articolo (LINK) scritto dal triathtleta Ivan Risti, canottiere da parte di moglie e cognato (Elena e José Casiraghi), dove si chiarisce che anche avendo tutto il tempo del mondo per allenarsi (che comunque va cercato, trovato, gestito e sfruttato) c’è un limite fisiologico oltre il quale le nostre “dotazioni” fisiche non riescono ad andare.

Non è tempo per noi

Perché l”equazione “più mi alleno, più andrò forte”, ancora molto in voga nel mondo amatoriale, NON FUNZIONA. PER NESSUNO, sottolinea Ivan. “Il tempo di allenamento non è l’unica variabile per una prestazione maggiore, anzi, più la prestazione da costruire è complessa, più le variabili in gioco sono molte e influiscono sulla prestazione anche in maniera significativa. Un atleta di alto livello non è forte solo perché ha tanto tempo per allenarsi, ma ha capacità di recupero ottime, presta attenzione all’alimentazione, ai tempi di recupero e al sonno, fattori necessari per ottenere il miglioramento della propria prestazione. Questi aspetti, oltre al tempo, richiedono anche talento e doti naturali che non si comprano né con soldi né con le ore libere”.

Mangia-prega-rema

E devo ammettere che invece di disperarmi, mi sono sentito “sollevato”. Perché la consapevolezza di aver già raggiunto il mio limite non solo mi ha aiutato a cercare le cose che non funzionano in me, ma anche a convivere con quelli che sono i miei difetti e in qualche modo ad accettarli. Il mio errore è stato tentare di adattare la mia vita quotidiana alle esigenze di quella sportiva, quando sarebbe stato meglio per entrambe fare il contrario, per rendere tutto sostenibile e quanto più godibile per poterlo portare avanti nel tempo.  Invece, tutti gli anni trascorsi a dannarmi in barca o sul remoergometro per inseguire un me migliore sono stati molto faticosi e hanno prodotto quasi nulla. A parte numerosi abbandoni, frequenti malumori e un costante mal di schiena.

bambini

Oggi, invece, qualcosa è cambiato. E sono io, che ho deciso di essere come l’acqua che scorre sotto la mia barca e imparare da lei: adattarmi e superare ogni ostacolo, mutando ogni volta la mia forma. L’acqua ci insegna l’accettazione, la pazienza ed è costante. E la costanza è la migliore qualità che un atleta possa avere. Anche quando si tratta di scendere inevitabilmente a patti con la propria vita. E, parafrasando Enrica Tesio, scendere a patti è faticoso ma necessario, sempre e solo se si scende per poi salire un gradino più in alto verso la nostra idea di felicità. Quindi, anche se nel canottaggio non è mai un buon momento per i sognatori, che avanzino pure quelli con il mal di schiena.

Seguici su Instagram

Diventa fan su Facebook!

More from Giuseppe Lamanna

I 5 momenti che rendono felice un canottiere

Qualcuno sostiene che il canottiere sia uno degli atleti più infelici al mondo, perché la...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *