Mi disse: “scegli, me o il canottaggio”. Chissà dov’è…

Ogni canottiere, anche se difficilmente lo ammetterà, in amore è per sua natura egoista. Pensa prima alla sua felicità, ma soltanto perché se non è felice lui, non è in grado di rendere felici gli altri.

I-love-rowing

D’altronde, noi andiamo dove ci porta la barca, non dove ci porta il cuore. E non dobbiamo dimenticare che per quanto grande e generoso possa essere, quello cardiaco resta sempre un muscolo che il canottaggio rende ancora più involontario.

“Scegli: me o il canottaggio”

Quando si tratta di “rapporti umani”, invece, l’alfiere del remo si affida alla volontà. Che è decisamente più sicura del cuore, soprattutto se si tratta di portare avanti un ménage à trois. Perché ogni canottiere vive contemporaneamente due storie d’amore: una con il/la compagno/a con cui ha scelto di condividere il proprio cammino di vita; l’altra, nella maggior parte dei casi arrivata anni dopo la prima, con la sua barca e relativo equipaggio. In entrambi i casi si tratta di “relazioni pericolose” che, pur conoscendo l’una l’esistenza dell’altra, a malapena si tollerano.

bambini

Ecco perché per un canottiere l’equilibrio è molto più di un’abilità: è un lavoroCosì, pur di salvaguardare le sue pratiche d’acqua e non venir meno ai suoi “doveri domestici”, l’alfiere del remo giunge a un’unica soluzione: essere tutto. Moglie/marito, madre/padre, tuttofare, amante, amica/o e canottiere. Questo, naturalmente, nelle poche ore in cui non deve lavorare.

sul-pontile

Tuttavia, dentro ogni canottiere master alberga un bimbo che a scuola, quando si facevano le squadre, veniva scelto sempre per ultimo e adesso pretende il suo riscatto. E nel tentativo di coccolare il suo ego, soprattutto nei weekend, quel bambino spesso prende il sopravvento sull’adulto nel quale è intrappolato. E così genera un “mostro” con un remo al posto del cuore, che “indossa” il canottaggio come una seconda pelle e al quale risulta impossibile pensare ad altro anche quando è lontano dall’acqua. E questo “rigurgito” di adolescenza, che travolge chi continua (o inizia) a remare dopo i 40 anni, viene recepito in maniera ostile dal partner di un canottiere.

canottiere

Così, se all’inizio questo sport poteva essere tollerato, dopo anni di forzata convivenza il canottaggio si trasforma in un male da curare a tutti i costi a colpi di litigi, musi lunghi e silenzi, volti a stimolare il nostro “senso di colpa”. E se non fosse abbastanza, si ricorre all’arma finale. Lo scellerato ultimatum: “Scegli, me o il canottaggio?”. Ma l’unico risultato è che iniziamo a vedere nella persona che abbiamo accanto solo un ostacolo. Un impedimento alla realizzazione dei nostri desideri. Della nostra felicità.

remare-alba

John Lennon diceva che l’amore è la risposta a tutto. Ma in casi come questo, è la risposta a una domanda terribilmente sbagliata. Perché è la passione a guidarci e chiederci di appendere i remi al chiodo sarebbe come obbligarci a smettere di amare. Impossibile. Alla fine, praticare questo sport mi ha insegnato tante cose che spesso hanno poco a che vedere con il canottaggio vero e proprio, ma che hanno molto a che vedere con l’esistenza umana. Però, mi ha anche insegnato qualcosa che ha a che fare con tutte e due: in barca, come nella vita, è fondamentale circondarsi di persone che non scassano la minchia.

Seguici su Instagram

Diventa fan su Facebook!

More from Giuseppe Lamanna

10 buoni motivi per cui un uomo dovrebbe sposare una canottiera

L’amore è una cosa meravigliosa, non solo al cinema. Tuttavia, quando si...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *