Facciamo chiarezza: il canottaggio non è la canoa

Socrate, il più grande filosofo dell’antica Grecia, sapeva di non sapere. Ma persino lui avrebbe perso la pazienza davanti all’ignoranza (intesa come mancanza di informazioni) della maggior parte delle persone.

Romano Battisti e Alessio Sartori, segni particolari: canottieri
Romano Battisti e Alessio Sartori, segni particolari: canottieri

Questo perché la conoscenza umana è incerta, inesatta e parziale. Se poi l’oggetto della conversazione è il canottaggio, allora le cose si complicano ulteriormente.

Attenzione: il canottaggio non è la canoa

Bisogna guardarsi da una mezza verità, perché potrebbe trattarsi della metà sbagliata. Perciò, partiamo dalle basi: il canottiere va in barca, il canoista va in canoa. Il primo stringe tra le mani uno/due remi. Il secondo, una pagaia. Quello che alla maggior parte delle persone potrebbe sembrare un eccesso di pignoleria, in realtà è una questione d’identità.

Antonio Rossi, segni particolari: canoista
Antonio Rossi, segni particolari: canoista

Pur non sopportando Nanni Moretti (ma questa è un’opinione personale del tutto opinabile, ndr), sono pienamente d’accordo con Michele Apicella, protagonista del film Palombella rossa, quando ribadisce a suon di ceffoni quanto le parole siano importanti. Dare del canoista a un canottiere (ma è anche vero il contrario, anche se capita abbastanza raramente), sarebbe come confondere uno sciatore con uno snowboarder, un rugbysta con un giocatore di football o domandare a Cristiano Ronaldo: «Il calcio che sport è? Quello dove devi mettere il pallone nel canestro?». Vi sembra la stessa cosa?

Iscriviti alla nostra newsletter

Diventa fan della pagina su Facebook!

More from Giuseppe Lamanna

La domenica del canottiere

Che sia bestiale o lunatica, per molti la domenica è quel giorno in...
Read More

6 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *