Perché qualcuno dovrebbe fare canottaggio?

Mi lusinga, quando qualcuno chiede la mia opinione sul canottaggio. Soprattutto se si tratta di persone che sulla nobile arte del remo ne sanno molto più di me. Il riconoscimento non è l’essere diventato autorevole, ma l’aver compreso l’anima di questo sport.

remi-in-acqua

Alcuni giorni fa, mi è stato chiesto perché qualcuno dovrebbe provare il canottaggio. La domanda era circoscritta all’ambiente universitario, ma sono convinto che la risposta valga per chiunque. Indistintamente.

Canottaggio: perché farlo?

Che siate in età scolare o meno, non è mai troppo tardi per essere quello che volete essere. Non esiste una regola o un limite di tempo. Ma perché dovreste fare canottaggio? Onestamente non lo so. Ognuno trova la sua migliore risposta (e non sarà mai la stessa) provando. Io posso solo dirvi che questo non è uno sport, ma un’occasione per salvarvi da voi stessi. Il canottaggio è il miglior docente che potrete mai trovare. Purtroppo, il suo metodo d’insegnamento passa attraverso il dolore. Fisico e mentale.

pontile

Nelle sue Memorie dal sottosuolo, Fëdor Dostoevskij diceva che la sofferenza è la sola origine della coscienza. Aveva ragione. C’è una certa magia nella fatica, amplifica i nostri sensi e ci ricorda che prima di morire dobbiamo vivere. Non è masochismo, perché qui non è sufficiente soffrire. Bisogna anche saperlo fare. E il canottaggio ve lo mostrerà. Solo così il dolore educa. Matura. Riscatta. Questa è una scuola di disciplina e determinazione. Sarete trascinati fino al vostro punto di rottura, dove imparerete a piegarvi, ma non vi spezzerete. Il canottaggio è la grazia che sposa la potenza.

grazia-e-potenza

Il canottaggio ti rende forte. Ti regala una seconda famiglia. E’ il tuo psicologo e la tua seconda casa. Mi sono seduto sul carrello di una barca perché stavo cercando il mio posto nel mondo. Ora, voglio vedere dove sono in grado di arrivare. Non incontrerete mai un canottiere che non abbia qualcosa da dimostrare. Al suo equipaggio, all’allenatore, alla famiglia o solo a se stesso. Io ve lo auguro di tutto cuore, ma può darsi che nella vita non riuscirete mai ad essere felici. Purtroppo non possiamo comprare la felicità, ma possiamo comprare una barca. Allora iniziate a fare canottaggio. Ora, dove siete, con quello che avete. Iniziate con la paura, con i dubbi. Iniziate e non vi fermerete più.

Diventa fan della pagina su Facebook!

Iscriviti alla nostra Newsletter!

More from Giuseppe Lamanna

Canottaggio: gli anni dei ricordi

Non è durante un’Olimpiade che vengono raccontate le storie più belle sul...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *